Paleo Dieta cosa devi sapere

Paleo Dieta cosa devi sapere

 
 
Come ben si capisce la dieta Paleo anche detta dieta delle caverne prende il nome dal termine “paleolitico”, periodo preistorico lontano 2 milioni di anni fa, prima dell’avvento dell’agricoltura e dell’allevamento degli animali quando non si mangiava pasta, pane, riso, insomma nessun tipo di cereale. La paleo dieta consiglia di mangiare cibi quanto più possibile vicini allo stato naturale: carne e frattaglie meglio se di animali selvatici ; pesce(preferendo quello pescato), frutti di mare, crostacei, molluschi, uova, frutta e verdura di ogni tipo, scelta tra i prodotti di stagione, moderate quantità di frutta secca. L’unico olio consentito è l’olio extravergine d’oliva.Notevole importanza rivestono i pesci grassi ed il pesce azzurro, quindi sgombro, tonno, sardine, alici, salmone, in quanto contengono rilevanti quantità di acidi grassi omega-3. Latticini e cereali, come pure i legumi, sarebbero da evitare.
I cereali vanno eliminati in toto: troppo ricchi di zuccheri, il loro consumo determina drammatiche oscillazioni della glicemia, crea tempeste ormonali, pone le condizioni per l’accumulo di grasso e lo sviluppo si uno stato pro-infiammatorio. Inoltre i cereali sono ricchi di antinutrienti come i fitati in grado di inibire l’assorbimento di grassi e vitamine e ovviamente, almeno alcuni, contengono glutine in grado di scatenare severi problemi a livello immunitario. Consigliatissimi: frutta, vegetali e semi contenenenti una quantità di vitamine, sali minerali e antiossidanti. La fibra contenuta in frutta, verdura, ortaggi fa assorbire più lentamente la quantità di carboidrati che diventano quindi a lento rilascio e quindi mantengono la così detta calma insulinica. Al contrario dell'alimentazione dei giorni nostri dove l'eccessivo consumo di alimenti raffinati come cereali raffinati, pasta e pane bianco, tendono a incrementare i valori dell'insulina nel sangue, favorendo l'insorgere di patologie collegate alla resistenza all'insulina (come, ad esempio, le patologie cardiache e il diabete).
Ovviamente nella formulazione originale sono da evitare come la peste tutti i tipi di carne conservata — carni d’allevamento, prodotti industriali di ogni genere, dolci ( con l’esclusione di modeste quantità di miele), sale in eccesso, oli vegetali e margarine.
Per quanto riguarda i grassi, la dieta paleo brevede un'assunzione decisamente alta (sopra il 30%), con un rapporto 1:1 tra omega3 e omega6, quindi tra saturi e polinsaturi. Mentre oggi è generalmente sbilanciato verso gli omega 6: nei paesi maggiormente industrializzati si arriva a raggiungere il rapporto di 30:1. I grassi saturi si trovano principalmente nei prodotti animali come carne, uova, latte, pollame e pesce ma, a differenza di ciò che vogliono farci credere, non sono una minaccia per il nostro cuore.
Lo diventano sicuramente se, e solo se, vengono associati ed un eccesso di carboidrati, soprattutto raffinati, i quali causano picchi insulinici e più in generale iperinsulinemia. L'olio di oliva ed i semi sono i più ricchi di insaturi.
La dieta più naturale e salutare per gli esseri umani è una dieta onnivora, e non una dieta a base di vegetali, o una dieta a base di carne. La Paleo dieta può rappresentare una dieta molto varia e onnivora, per la maggior parte, ma la cosa più importante è che non contiene alimenti trasformati e i cibi peggiori che l’agricoltura abbia fornito all’umanità … oli vegetali, infiammatori e raffinati, cereali raffinati (alcuni sono peggio di altri), e zucchero!